www.delfinoparlato.it



DELFINO PARLATO
Articoli dalla prima pagina



LETTERA APERTA AL SINDACO E ALLA GIUNTA DELLA CITTÀ DI BOLLATE (MI).


Bollate (Mi), 31 Gennaio 2011

Lettera aperta

c.a. Sindaco Comune di Bollate, Dott.ssa Stefania Clara Lorusso

p.c. Giunta del Comune di Bollate
p.c. Direttore de Il Notiziario
p.c. Direttore di Settegiorni



Gentilissima dottoressa Lorusso,
in questi ultimi mesi sulle pagine dei settimanali locali abbiamo avuto modo di leggere diversi articoli sul progetto del Comune relativo alle nuove abitazioni che dovrebbero sorgere nella piazza antistante via turati (Piazza della Resistenza).

Il piano di governo del territorio contiene anche il Piano Urbano del traffico, il Piano Commerciale, il Piano Energetico... e molto altro ancora
Ci meraviglia il fatto che, nonostante i cittadini bollatesi non siano d’accordo a modificare la struttura della piazza, questa giunta anziché fermarsi ad ascoltarli, e quindi proporre soluzioni condivise con la cittadinanza, preferisca andare avanti, sempre e comunque.

Dottoressa, ricordo ancora quando in qualità di difensore civico, lei forniva consigli e si prodigava facendo sue le diverse istanze dei cittadini e Commercianti Bollatesi, ora che lei è il Sindaco della città faccio fatica a credere che lei non mostri interesse nei confronti dei tanti cittadini che le stanno chiedendo in modo assolutamente democratico di non modificare una parte del bene della collettività.
Le ricordo ancora, che per quella piazza e per molti altri interventi urbanistici il Comune ha acceso dei finanziamenti di un certo rilievo, e che sono ancora da pagare....

Noi non possiamo non condividere le diverse istanze e gli appelli che le sono stati rivolti da parte dei cittadini al fine di modificare il progetto che avete approvato, molti bollatesi ricordano le mele che lei ha distribuito ai mercati durante la sua campagna elettorale e oggi si chiedono se non fossero come "il frutto proibito di Adamo".

Sul Piano di Governo del Territorio è arrivato il momento di fermarsi e rivedere il "pasticcio" preparato dai tecnici che lei ha scelto, i quali, saranno anche professionalmente validi, ma una città non si ridisegna solo con parametri tecnici e norme giuridiche, occorre anche tanto buon senso, quello che deve sempre contraddistinguere un buon amministratore pubblico e condivisione da parte della società civile.

Alcune famiglie che vivono in locazione in case di proprietà del comune di Bollate, lamentano di aver ricevuto recentemente una lettera con la quale si comunicava l'intenzione dell'amministrazione di procedere a vendita degli immobili.
A questo punto le chiediamo cosa accadrà visto che si tratta di famiglie a reddito basso, per la maggior parte anziani che non hanno una disponibilità economica immediata e che non potrebbero ricorrere a mutui o al normale mercato degli affitti?

Sappiamo bene come negli ultimi anni è diventato veramente difficile amministrare un comune, in particolare entità piccole come Bollate, però chi è stato eletto ha il dovere di amministrare una città ascoltando e confrontandosi con tutti.

Da quando si è insediata la sua Giunta abbiamo visto che poco o nulla di quanto annunciato in campagna elettorale si è concretizzato forse perché prima di decidere, oltre alla giunta, ha dovuto confrontarsi con altre "personalità politiche", di riferimento? Ci auguriamo di no.
Le sarà noto che all'interno dell'amministrazione comunale si registra un diffuso malcontento tra i dipendenti alcuni di loro seppure di provata professionalità, sono andati via e altri mal sopportano questa situazione di stallo.
In un periodo di profonda crisi economica per i bilanci comunali , non sarebbe il caso di evitare di spendere denaro pubblico per affidare incarichi a segretari personali o addetti stampa esterni quando, per questi profili, la professionalità dei dipendenti del comune è stata già collaudata con esiti positivi dai sui predecessori?

La campagna elettorale è finita, com’è finito il suo rodaggio politico, ora deve essere il Sindaco di tutti i cittadini bollatesi e non solo di chi le ha dato il voto.

Le chiediamo, quindi, di tornare ad ascoltare i cittadini che chiedono solo di evitare di distruggere zone della nostra città per costruire ancora PALAZZONI che in quell'area non sono indispensabili.

Ci appelliamo anche al Vice-Sindaco, geom. Cesare Doniselli, persona molto nota in città per essere stato "un pioniere del parlamentino bollatese" e a lui chiediamo: come mai quel richiamo alla difesa del "Bene Comune" che ha sempre contraddistinto lui e il gruppo politico Città per Cambiare oggi non viene più menzionato? I beni comuni di una città sono di tutti i cittadini e non degli amministratori a cui viene affidato il solo compito di amministrare e non di svendere o pasticciare.

Non ci aspettiamo risposte scritte, preferiamo risposte con fatti concreti...

Gentilissima dottoressa Lorusso si faccia carico di proporre un PGT adeguato ai tempi e alle aspettative dei cittadini, dei titolari di imprese, dei commercianti, artigiani, del mondo delle associazioni di volontariato, giovani, famiglie e anziani... e di tutte le altre istituzioni presenti nel nostro territorio.

Noi, se vorrà, potremo dare il nostro apporto e la nostra collaborazione per una soluzione veramente condivisa nell'interesse dei soli cittadini.


Con i più cordiali saluti.
Delfino Massimo Parlato

Vuoi commentare questo articolo? Clicca qui